Frammenti di poesie scritte da Emily Brontë

Emily Brontë è al meglio nei frammenti, nelle brevi poesie liriche incompiute; riporto qui di seguito alcuni versi:

Dalla n. 1.
What winter floods what showers of spring

Tempeste d’inverno e piogge a primavera
hanno bagnato notte e giorno l’erba
ma giace sotto la zolla spettrale
immobile e ignorato giace

Dalla n. 12:
È dolce errare nella notte
contemplando l’inverno che muore

Dalla n. 111:
perché si è sciolta dalle catene dorate
cercando una via aspra e solitaria

Dalla n. 123:
Vieni a camminare con me,
ora non ci sei che tu
per dare gioia al mio spirito –
ci era caro nelle sere d’inverno
errare insieme nella neve;

Dalla n. 142:
Vedo attorno a me sepolcri grigi
lunghe ombre che giungono lontano.
Sotto le zolle che i miei piedi calpestano
giacciono in solitudine e silenzio i morti –

Dalla n. 144:
(…)
Ora giace la sua tomba solitaria
lontano, tra i monti del nord;

Dalla n. 145:
Là dove è volato il suo spirito
tra l’erica e la neve ghiacciata

Dalla n. 157.
il tempo in cui i miei capelli di sole
si intrecceranno alle radici dell’erba

Traduzione di Anna Luisa Zazo,
dal libro: Anne, Charlotte, Emily Brontë: Poesie, Mondadori, 2004

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...